Browsing Category

Ritratto emozionale

0 In Eventi & Connessioni/ Ritratto emozionale

Gentilmente | Laboratorio esperienziale

gentilmente laboratorio esperienziale in veneto e fiuli con cui imparare a vivere al meglio il proprio corpo attraverso arte e fotografia conegliano treviso pordenone udine

Finalmente vi racconto Gentilmente | Laboratorio esperienziale, ideato da Silvia Cacitti, in cui io sono un tassello, così come Anna Zaninotto, e, insime ti guideremo in un percorso speciale.

Ve lo avevo anticipato sul mio profilo Instagram, dove vi dicevo che se chiedessero a me di descriverlo risponderei che è un laboratorio un po’ punk, perchè quello di volersi bene oggi è un atto un po’ radicale, quasi una mini protesta verso la digital distortion in cui siamo sommersi e i continui canoni irrali da cui siamo bombardati.

Ma ve lo descrivo bene questa volta…

Continua →
0 In Ritratto emozionale

Lago Morto Vittorio Veneto | Rossella

lago morto vittorio veneto treviso ritratto emozionale Deborah Brugnera

Il Lago Morto di Vittorio Veneto, per quanto non abbia un nome così allegro, lo so, è per me un luogo molto speciale.

Era estate, non ricordo esattamente se avevo 18 anni o 19, ma non è importante, mia zia mi portò qui. Non era un periodo bello della mia vita…in questo luogo non c’ero mai stata, nemmeno ne conoscevo l’esistenza. Ho una foto di quel giorno, magra magra, con la mia piccola cuginetta tra le braccia. Questo luogo mi ha subito trasmesso pace, tranquillità, è come se per un attimo mi fossi ricongiunta a me stessa e mi fossi detta, “Ehi! Che stai combinando? Così non va”.

I laghi hanno questo magico potere di ricongiungerci a noi stessi, hanno quella strana magia che porta pace interiore e, mentre ne guardi l’orizzonte e ci immergi i piedi, ti lasci accarezzare dal vento, ti lasci guardare dentro.

Continua →
0 In Ritratto emozionale

Ritratto emozionale Pordenone | Elena

Vincent Van Gogh, tra le tante stranezze, mangiava anche pittura gialla, direttamente dai tubetti che acquistava, perchè credeva che il giallo avrebbe portato la felicità dentro di lui. Gli davano del pazzo, dello stupido a mangiare i colori, perchè i colori erano tossici; per non parlare del fatto che mangiarli non aveva ovviamente nessuna influenza sulla felicità di una persona. Ma io non sono mai stata d’accordo. Sono sicura che se tu fossi così infelice da credere che persino l’idea più assurda potrebbe funzionare, come pitturarti le pareti interne degli organi di giallo, allora ci proveresti, perchè c’è quella possibilità, seppur minima che questo migliori le cose. Ognuno ha la sua pittura gialla.

Continua →
0 In Personal Branding/ Ritratto emozionale

Ritratto emozionale • Laura Gatto

Non so se sia corretto chiamarlo solamente ritratto emozionale questo servizio, è stato, è, molto di più di questo.

Ho conosciuto Laura, in arte La Gat Art, un anno fa, esponevamo entrambe ad un evento della zona. I suoi lavori mi hanno colpita da subito, cuori, cuori anatomici dalle linee precise, illustrazioni piene, che comunicavano molto più che la loro bella immagine stessa.

Continua →
Privacy Policy Cookie Policy